Luca racconta la sua esperienza positiva di sviluppatore a Londra

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza a Londra e nel Regno Unito, compilando il modulo in fondo alla pagina.
 
Dicembre 2018
 
Agenzia inizialmente, una stanza in condivisione, poi un appartamento tramite siti web.
 
LinkedIn prima di arrivare a Londra.
 
1 mese, neanche.
 
Laurea triennale e 1 anno e mezzo di esperienza nel mondo del lavoro.
 
Buono, non quanto ora ma decisamente ad un buon livello.
 
Sviluppatore, stesso lavoro adesso, ma per un’azienda diversa.
 
Positiva assolutamente. Stipendi decisamente migliori, meno tasse, affitti e costo della vita meno caro – in proporzione – a Milano in Italia (confronto fatto con Milano per ovvi motivi).
 
Perchè no? Certo! Londra come città é magnifica, offre un sacco di opportunità e di crescita professionale. Ho imparato di più a Londra in un paio di mesi (nel mio lavoro) che in Italia per anni.
 
Parti leggero, non portarti dietro i valigioni con troppe cose, compra qui piuttosto. Investi immediatamente in un appartamento, non andare in condivisione: va sempre a finire male e difficilmente ci si trova bene (e inoltre in proporzione di paga un sacco).
[fluentform id=”9″]

Cose che non sapete sulla stazione di Acton Town

Inizialmente la stazione si chiamava Mill Hill Park e si trovava sulla Metropolitan District Railway. Fu aperta nel 1879 ma divenne Acton Town solo nel 1910.

Fino al 1883 era il capolinea ma fu poi aggiunta la linea che portava a Hounslow e nel 1903 la linea che portava a Park Royal.  Nel 1932 la Piccadilly Line fu estesa fino ad Acton Town.

Nel 1878 fu anche aperta una linea di tram a cavallo che passavano da Acton

Foto: © Copyright Thomas Nugent and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Quando fu aperta la stazione Acton era solo praticamente un villaggio in mezzo alla campagna, fu proprio la prima il Paddington Canal e in seguito la ferrovia a far crescere Acton che col tempo fu assorbito da Londra

La chiesa di St Mary che dovrebbe essere il cuore storico di Londra esiste dal 1200. Fino al 1900 c’era anche un importante mulino ad Acton

Nel 1700, come altre parti di Londra, Acton era famosa per le sue terme e qui i più benestanti ci passavano la villeggiatura, si dice che le acque di Acton potessero curare una lunga lista di malanni.

Dopo le terme vennero le lavanderie, infatti nel 1800 ad Acton si lavavano i panni di Londra e le lenzuola degli hotel di lusso di Londra. Allora c’erano oltre 210 lavanderie nella zona di Acton che fu ribattezzata Soapsuds Island.  Potete solo immaginare il traffico di panni da qui al centro di Londra.

La stazione di Acton Town

La stazione che vedete ora fu costruita da Charles Holden, che fece rifare molte stazioni della metropolitana londinese ed è riconoscibile per il suo stile modernista e Art Deco. La nuova stazione di Acton Town fu completata nel 1932 quando arrivò la Piccadilly Line a Acton Town.

Foto: © Copyright Thomas Nugent and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

In media circa 12 treni della District Line passano ogni ora da Acton Town e 26 della Piccadilly Line.  Nelle ore di punta la stazione di Acton Town è spesso congestionata e quindi i treni devono aspettare di entrare.

Cose che forse non sapete su Kensington Palace

[su_posts posts_per_page=”3″ tax_term=”9412″ order=”desc” orderby=”rand”]

Cambia anche il centro di Londra, per mantenere le distanze tra persone

Ci saranno cambiamenti anche nel centro di Londra, a cominciare da Oxford Street, la grande via della shopping a Londra.  Infatti il council di Westminster vuole cambiare diverse cose per permettere ai pedoni di mantenere le distanze tra loro. 

Ci saranno nuove piste ciclabili temporanee in tutta Oxford Street, ma anche a Regent Street, Piccadilly e altre vie molto trafficate, per permettere alle persone di girare comodamente in bicicletta. Ci saranno cartelli per ricordare a tutti di mantenere le distanze.

I marciapiedi verranno allargati e il traffico ridotto, per esempio sarà vietato il traffico in tutta la zona intorno a Covent Garden durante le ore di punta. I cambiamenti cominciano da questo weekend. 

È anche un po’ ironico che succeda questo visto che il council di Westminster era in guerra contro il sindaco di Londra da alcuni anni. Il sindaco di Londra voleva più piste ciclabili, mentre il council era contrario. Bisogna ricordare che il sindaco di Londra ha poteri molto limitati in diverse aree, i 32 council di Londra prendono le decisioni finali e non devono seguire i suggerimenti del sindaco.  

 

Buona notizia: Riaprono i Kew Gardens, ma dovrete prenotare online

Dal 1 giugno riaprono i famosi Kew Gardens di Londra, ma dovrete per forza prenotare un biglietto online e avrete un orario di entrata, anche se siete membri. 

Senza questi biglietti non vi faranno entrare. Per mantenere la distanza sociale, alcune attrazioni di Kew Gardens come le serre, la pagoda e le mostre saranno per ora chiuse. Potrete trovare cibo e bevande ma solo i pagamenti con carta di credito verranno accettati.

Inoltre per il momento potrete andare a Kew Gardens solo con persone che abitano con voi. 

[su_button url=”http://tidd.ly/5f3bd921″ style=”3d” background=”#377c25″ size=”5″ icon=”icon: star” text_shadow=”2px -8px -15px #000000″]Vendita biglietti[/su_button]

I Kew Gardens sono un sito di patrimonio universale UNESCO che si trovano su 132 ettari in riva al Tamigi. Il nome ufficiale è Royal Botanic Gardens.

Dal 1840 fanno parte del patrimonio nazionale.

Ci sono quasi 15 mila alberi di oltre 2000 specie diverse! Il più vecchio dovrebbe essere un castano piantato nel 1600. Cosa vedere ai Kew Gardens include chiaramente tanti alberi!

I Kew Gardens non solo solo un giardino da visitare, ma sono anche un organizzazione scientifica che si occupa di catalogare, studiare e conservare piante e i loro semi.  All’interno dei giardini si trova un edificio chiamato Herbarium che contiene oltre 6 milioni di piante secche!

Alcuni degli alberi giapponesi che si trovano vicino alla pagoda risalgono al giardino originale fatto costruire dalla principessa Augusta.

Il Grass Garden o giardino dell’erba ha quasi 600 tipi di erbe diverse.

Visitare i Kew Gardens: cosa vedere?

Potete anche trovare un pino corsico considerato l’albero più sfortunato di tutti i Kew Gardens. Infatti un piccolo aereo ci andò contro tanti anni fa, portandosi via la cima dell’albero. Da allora l’albero è stato colpito da fulmini ben tre volte. Con tutti gli alberi che ci sono attorno, vuol dire essere proprio sfortunati!

Le serre sono una delle cose da vedere ai Kew Gardens. La Waterlily House risale al 1852 e ospita ninfee e altre piante acquatiche, è l’ambiente più caldo dei giardini. Alcune delle piante ospitate sono ornamentali ma altre sono utili come il riso e il banano.

Quando si pensa se vale la pena visitare i Kew Gardens, non dimenticatevi che con il biglietto di ingresso potete anche visitare Kew Palace. Era una dimora della famiglia reale nel 1700, infatti il nome Palace si dovrebbe solo usare per una casa reale. La visita è interessante, effettivamente non era una casa molto grande per una famiglia reale, ma non era comunque la loro prima casa, solo una casetta di campagna.

Visitare i Kew Gardens Nella Palm House trovate invece tante piante rare, alcune si trovano praticamente ormai solo qui. Potete anche vedere le cicadofite che sono tra le piante più antiche sulla terra, sono praticamente fossili viventi.

Vicino al laghetto potete vedere due leoni di pietra del 1700 del periodo Ming, simili  a statue che si trovano nel giardino del palazzo Imperiale di Pechino.

Se decidete di visitare i Kew Gardens, non perdetevi il Woodland Garden,  specialmente in prima primavera e tardo inverno con tutti i diversi tipi di primule.

Per le piante mediche potete visitare il Nosegay Garden e trovate piante che da migliaia di anni sono usate per curare in diverse culture.

Cose che forse non sapete su Hyde Park

Il Queen Charlotte’s Cottage che si trova nel bosco di Kew Gardens fu fatto effettivamente costruire per la regina in questione come casa di campagna. Lo usò anche la regina Vittoria che lo regalò alla nazione alla fine del 1800.

La Temperate House, un’altra serra del 1800, era un edificio molto innovativo perchè ha lastre curve di vetro. Nel 2018 ha riaperto dopo diversi anni di restauri.

Storia dei Kew Gardens

I Kew Gardens furono creati inizialmente quando la madre di re Giorgio III, ovvero la principessa Augusta decise di creare un bel giardino intorno a Kew Palace.  Assunse l’architetto William Chambers che fece costruire la Orangery che si esiste tutt’ora, la pagoda e il laghetto. Ma i giardini esistevano anche prima, John Evelyn scrisse di aver visitato i giardini della famiglia Capel nel 1678.

William Chambers fece costruire diversi templi, tre sopravvivono: Arethusa, Bellona e Aelous. In parte i templi erano stati costruiti pkew gardenser permettere alla famiglia reale di sedersi all’aperto ma protetta dalle intemperie.

Nel 1731 il principe del Galles, Federico affittò il terreno dalla famiglia Capel, sappiamo quindi come sono finiti in mano della famiglia reale.

Il re Giorgio III era considerato il re matto e durante gli episodi della sua malattia mentale (qualunque cosa fosse, ancora non è chiaro) si fermava a Kew Palace per riprendersi.
Una volta qui vi si trovava anche la Richmond Lodge che era il posto preferito del re Giorgio II.

Come visitare i Kew Gardens?

I Kew Gardens sono aperti tutti i giorni dalle 10 del mattino fino alle 19 d’estate. Chiudono quindi prima d’inverno e quando ci sono concerti o altre iniziative. D’inverno sono a volte aperti anche alla sera in occasione dell’iniziativa Christmas at Kew. Il futuro di queste iniziative per quest’anno dipendono dalla situazione del coronavirus. 

Per arrivarci potrete prendere un autobus, la District Line per Richmond e scendere a Kew Gardens o il treno per Staines da Waterloo e scendere a Kew Bridge.

Anche nei momenti di punta i Kew Gardens non sono mai affollati,  se vi allontanate dall’area intorno ai gates, soprattutto Victoria Gate, troverete tanti angoli tranquilli.

 

 

[amazon bestseller=”kew gardens” items=”3″]

Test d’ascolto esame IELTS, consigli per passarlo bene

Il test di ascolto IELTS è lo stesso per i moduli di formazione accademica e generale. Ascolti la lingua parlata in un contesto sociale o accademico e rispondi a una serie di domande. Il nastro viene riprodotto solo una volta, quindi è necessario esercitarsi sufficientemente in anticipo per raccogliere ciò che viene detto la prima volta.
Il test di ascolto è diviso in quattro sezioni con 10 domande in ciascuna parte, in tutto avrai 40 domande. Questo modulo dura 30 minuti. Al termine, avrai altri 10 minuti per trasferire le risposte al foglio delle risposte.

Il test di ascolto misura la capacità di ascolto di idee principali, informazioni specifiche, informazioni di supporto, fatti e opinioni. Troverai una varietà di tipi di domande:
scelta multipla
risposta breve
completamento della frase
completamento note / diagramma / diagramma di flusso
accoppiamento
classificazione

La varietà di tipi di domande significa che a volte è necessario scrivere la risposta,invece di scegliere la risposta giusta. Questo è importante perché in questi casi, devi anche scrivere correttamente o la risposta sarà contrassegnata come sbagliata. Anche un piccolo errore può farti perdere punti. Per esempio se scrivi qualcosa come make ma la risposta giusta era makes, ti verrà segnato come errore.

Avrai un’idea più precisa di quanto devi essere preciso facendo il maggior numero possibile di esami di ascolto prima del test vero e proprio. . Il tuo orecchio e la tua concentrazione possono essere allenati.

Ciascuna delle quattro sezioni del test di ascolto IELTS si concentra su un diverso tipo di discorso, come mostrato di seguito:
Sezione 1 – Un dialogo sociale o transazionale
Sezione 2 – Un argomento o un breve discorso su un argomento generale
Sezione 3 – Una conversazione in un contesto accademico
Sezione 4 – Una lezione accademica

A volte quando ti prepari a fare lo IELTS e segui tutti i consigli alla lettera, fai tutti gli esercizi ti sembra di non migliorare. In questi casi, lascia stare lo IELTS per qualche giorno, lavora su altro materiale a livello inferiore dello IELTS e procedi lentamente verso materiali più avanzati. Prova ad attuare le semplici strategie che ti stanno insegnando lungo la strada. In questo modo non solo fai del ripasso ma riuscire di nuovo a capire ti darà un po’ di fiducia in te stesso.

L’accento usato nei test è principalmente britannico, concentrati ad ascoltare film e telefilm britannici piuttosto che americani, devi abituare l’orecchio agli accenti britannici che sono piuttosto diversi ed è meglio passare il tempo nei mesi precedenti il ​​test ascoltando le stazioni radio e i podcast britannici o guardando la BBC, i programmi britannici e i film.

Le espressioni usate tendono anche a essere prese dall’inglese britannico piuttosto che dall’inglese americano. Ciò significa che potresti sentire idiomi sconosciuti, che possono confonderti. Nelle registrazioni da ascoltare troverai termini di inglese britannico  possono anche usare parole inglesi per oggetti comuni come  lorry invece di truck o biscuit invece di cookie.  Assicurati di studiare le differenze più comuni nel vocabolario britannico e americano e di ascoltare il maggior numero possibile di esercizi IELTS prima dell’esame.

Impara a distinguere l’opinione dalla realtà. Nei passaggi di ascolto terzo e quarto, verrai probabilmente messo alla prova su ciò che pensa una persona o quale sia il suo punto di vista. Questo può o non può essere dichiarato apertamente, a volte lo devi capire dal tono della voce.

Segui le istruzioni con molta attenzione. Se le istruzioni indicano “Scrivi non più di tre parole”, non devi scrivere più o non riceverai punteggio per la tua risposta, anche se alcune delle parole che hai scritto facevano parte della risposta corretta. Allo stesso modo, leggi attentamente ogni istruzione. A volte, ti viene chiesto di cerchiare due risposte, a volte tre e così via. È necessario leggere le istruzioni ogni volta in quanto potrebbero differire dalle precedenti. Ricorda, la capacità di seguire le istruzioni in inglese è un test in sé.

Acquisire familiarità con grafici, diagrammi, diagrammi di flusso, grafici a barre e grafici a torta, ecc. Questi spesso appaiono come parte delle scelte di risposta nella quarta sezione. Più ti senti a tuo agio con l’interpretazione dei dati rappresentati, più facile sarà il tuo esame

[amazon bestseller=”IELTS” items=”3″]

Laureato italiano con master racconta la sua esperienza a Londra

 
 
1-7-2016
 
Agenzia per la casa. Per il lavoro da me.
 
Ho dovuto fare tutto da me. Le agenzie mi hanno detto che con i miei titoli potevo solo lavorare come dottore presso NHS o BUPA. E per quello ci deve essere un riconoscimento da parte del governo o ente inglese. Cosa che e ancora in atto.
 
7 mesi.
 
Sono in possesso di una laurea vecchio ordinamento, specializzato presso una importante scuola in ambito psicoterapeutico e possiedo anche un master. Ora frequento un corso presso l’università di Oxford.
 
Elementare.
 
Assistente presso una multinazionale dell’abbigliamento.
 
Livello inglese elevato C1/C2. Ma questo non basta per vivere. Hai bisogno di uno stipendio di non meno 37 Milà pounds all’anno (12mila pounds -inclusi concime tax- servono per pagarti l’affitto di un monolocale poi devi detrarre tra 20/30 % per la pensione).
 
Perfetta conoscenza della lingua inglese. Bene istruito accademicamente. E che i titoli in possesso siano stati riconosciuti dal governo o ente inglese, altrimenti si aprono procedure infinite. La mia procedura e’ ancora aperta.
 
Rimanere in Italia. In questo momento non puoi ottenere una buona posizione lavorativa. E se ci dovesse essere e pagato 8.50 pounds all’ora (non dimenticate che una stanza non costa meno di 550 pounds Al mese).
[fluentform id=”9″]

Hamnet di Maggie O’Farrell

Un’altro libro di Maggie O’Farrell la scrittrice dell’Irlanda del Nord vincitrice di diversei premi per la letteratura.

Il nuovo romanzo si chiama Hamnet ed è inspirato dal figlio di William Shakespeare, Hamnet morto a 11 anni forse di peste bubonica. Ci sono state tante teorie su come la morte del giovane Hamnet aveva influenzato Shakespeare e alcuni hanno pensato che la commedia Hamlet venisse proprio da Hamnet ma non ci sono prove.

Il libro parla di come la morte di Hamnet aveva influenzato invece il matrimonio dei genitori e la vita della sorella gemella. Anche se sappiamo che si tratta della storia della famiglia Shakespeare, il libro immagina come potrebbe aver vissuto la tragedia della morte del bambino, non è saggistica ma un romanzo vero e proprio anche se si basa su eventi realmente accaduti.  Shakespeare non ha scritto molto sulla morte del figlio ed è quindi difficile capire che effetto abbia avuto sulla famiglia e O’Farrell deve solo immaginare.

Il libro comunque è scritto molto bene e riesce a catturare alla perfezione l’atmosfera della fine 1500 tanto che sembra di riviverla. Il libro include superstizioni e idee del tempo che lo rendono ancora più reale. CI vuole un buon inglese per leggerlo in lingua originale ma se potete farlo, fatelo.

[amazon bestseller=”maggie o’farrell” items=”3″]

Roberto è veterinario in UK e racconta la sua esperienza

2016
 
Assolutamente nessun problema. Avevo proposte di lavoro quando ero in Italia dall’Inghilterra.
 
Tutto nato da un cliente inglese che era venuto in vacanza in Italia, cui ho curato il cane.
 
So venuto per fare le interview!
 
Laurea in Medicina Veterinaria e avevo iniziato il RCVS Certificate in Small Animal Surgery
 
Buono per la mia professione, non fantastico per la vita di tutti i giorni
 
Medico Veterinario General Practice, adesso sono un Referral Veterinary Surgeon in Orthopaedics and neurology
 
Ottima. Ho il solo rammarico di essere venuto troppo tardi. Ho avuto un progresso professionale ed economico in 3 anni e mezzo, che non avrei ottenuto in 20 anni in Italia.
 
Non so, adesso tra Brexit e covid19 la cosa potrebbe essere più complessa
 
Curate la lingua, siate professionali
[fluentform id=”9″]

Nuove regole e limite numeri passeggeri per gli autobus di Londra

Londra sta tornando alla normalità e si ritorna a pagare sugli autobus di Londra. Piano piano sempre più linee stanno re-introducendo i pagamenti e da oggi 124 linee di autobus diverse fanno di nuovo entrare i passeggeri per la porta vicino all’autista. 

TfL ha introdotto nuovi limiti al numero di persone che possono salire su un autobus per assicurarsi che tutti possano osservare le distanze. Quindi gli autobus a due piani possono far entrare solo 20 persone, 10 sopra e 10 sotto.  Gli autobus piccoli con solo un piano possono far salire solo 6/10 persone alla volta. 

Saranno gli autisti a seguire queste norme e dovranno usare il loro giudizio di caso in caso. Per esempio, se sale una famiglia di quattro persone. possono permettere di salire un paio di persone in più, visto che le quattro persone della famiglia non hanno bisogno di stare separati.

In ogni caso è un grosso cambiamento per chi usa sempre l’autobus e in certe zone di Londra, dove non ci sono stazioni vicine, la situazione potrebbe essere molto difficile.

Il London Festival of Architecture sta per iniziare online

Anche i nostri amici in Italia possono guardarsi il London Festival of Architecture quest’anno. Infatti è tutto online e si tiene dal 1 al 30 giugno.

Lo potrete vedere su londonfestivalofarchitecture.org, su Instagram (@londonfestivalofarchitecture) e su Twitter (@LFArchitecture). Per tutto il mese di giugno, Il London Festival of Artchitecture porterà l’architettura a un vasto pubblico  in tutto il mondo, con un  programma di oltre 120 eventi.

Troverete un po’ di tutto dalle opere d’arte digitali ad eventi e conferenze online.

 LFA Digital è la nuova versione del London Festival of Architecture, nato come reazione alCovid-19 ma un’idea che potrebbe svilupparsi ulteriormente nei prossimi anni. Gli organizzatori ancora sperano comunque di poter fare un London Festival of Architecture prima della fine dell’anno, ma niente è garantito ora. Potete comunque godervi nel frattempo la versione online che ha tanti eventi e tante cose interessanti da scoprire.

Per vedere il calendario degli eventi potete andare qui

 

5 romanzi gotici da leggere in inglese

Se ti piacciono le storie cosidette gotiche, abbiamo fatto una breve lista apposta per te. Da Frankenstein a questa parte il romanzo gotico è diventato un vero e proprio filone letterario Tutti questi libri sono in inglese, alcuni saranno anche tradotti in italiano, altri no.

[amazon link=”1405919329″ /]Amber Alton sa che le ore passano diversamente alla Black Rabbit Hall, la casa di campagna della Cornovaglia della sua famiglia londinese, dove due orologi non leggono lo stesso. Non succede mai molto. Più di tre decenni più tardi, Lorna è determinata a sposarsi a Pencraw Hall, conosciuta come la Sala del coniglio nero tra i locali. Esiste anche la versione in italiano 

[amazon link=”1844086062″ /]Un’estate del dopoguerra nella sua casa nel Warwickshire rurale, il dottor Faraday, figlio di una domestica che ha costruito una vita di rispettabile tranquillità come medico di campagna, viene chiamato a vedeere un paziente nella solitaria Hentys Hall. Sede della famiglia Ayres da oltre due secoli, la casa georgiana, un tempo impressionante e bella, è ora in declino, la sua muratura si sgretola, i suoi giardini soffocati dalle erbacce, l’orologio nel suo cortile stabile fissato permanentemente alle ventinove. I suoi proprietari – madre, figlio e figlia – stanno lottando per stare al passo con una società che cambia, così come con i loro conflitti.

[amazon link=”1643580175″ /]Samuel, di nove anni, vive da solo in una tenuta  nel Surrey con la governante della famiglia, Ruth. Suo padre è morto e sua madre è stata all’estero per mesi, presumibilmente a controllare gli affari del marito defunto. Oltre alle sue sporadiche cartoline, Samuel non sente nulla da sua madre. Gli manca molto e traccia il suo viaggio in un atlante che trova nel suo studio. Solo lei e Samuel sanno quanto  Ruth imponga l’ordine. Mentre le voci in città iniziano a turbinare, Samuel si chiede se qualcosa di più sinistro sia in corso.

[amazon link=”1529002397″ /]Londra. 1850. Il più grande spettacolo che la città abbia mai visto viene costruito a Hyde Park e tra la folla che guarda due persone incontrarsi. Per Iris, un aspirante artista, è l’incontro di un momento – dimenticato qualche secondo dopo, ma per Silas, un collezionista affascinato dallo strano e bello, quell’incontro segna un nuovo inizio. Quando viene chiesto a Iris di fare la modella per l’artista preraffaellita a Louis Frost, lei concorda sulla condizione che le insegnerà anche a dipingere.

[amazon link=”0330448447″ /]Grace Bradley andò a lavorare alla Riverton House come domestica quando era solo una ragazza, prima della prima guerra mondiale. Gli unici testimoni erano Hannah ed Emmeline e solo loro – e Grace – conoscono la verità di quello che successe allora. Nel 1999, quando Grace ha novantotto anni e vive i suoi ultimi giorni in una casa di cura, viene visitata da una giovane regista che sta girando un film sugli eventi di quell’estate. Detta in flashback, questa è la storia della giovinezza di Grace negli ultimi giorni del privilegio aristocratico edoardiano frantumato dalla guerra, dei vibranti anni venti e dei cambiamenti che ha visto come un intero stile di vita svanito per sempre.

Gloria non consiglia di venire a vivere in UK per una serie di motivi

Puoi anche tu aggiungere la tua esperienza compilando il modulo in basso

2015
 
all’inizio ho alloggiato in un ostello, poco dopo tramite un amico ho trovato una stanza in casa in condivisione
 
all’inizio porta a porta poi tramite i siti dedicati
 
circa due mesi
 
qualifica di estetista ma ho lavorato in un’azienda agricola (serre e animali da allevamento)
 
Era buono, non come ora, ma buono
 
lavapiatti. Ora faccio l’operaia in una azienda di produzione di valvole idrauliche
 
Positiva all’inizio, ho migliorato l’inglese e visto cose nuove. Ora come ora la trovo inutile in quanto mi sembra di vivere per lavorare
 
No, purtroppo poca meritocrazia e nessuna assistenza sociale. Molta burocrazia, polizia inutile (ho subito due furti), e attenzione ai lavori sottopagati ce ne sono tanti che nessuno immaginerebbe. Qualità della vita molto bassa, stipendi che ti fanno arrivare a fine mese ma non si riesce mai a mettere da parte o per un motivo o per l’altro( malattia oppure licenziamenti da parte di agenzie)La maggior parte degli inglesi sono razzisti( non lo diranno mai) e sento di non essere la benvenuta
 
cercare una città dove gli affitti sono i più bassi e cercare lavoro gia prima di partire
 
[fluentform id=”9″]

Monica, partita per l’Inghilterra a 50 anni, racconta la sua esperienza

2015
 
Mio figlio che studiava qua mi ha trovato il primo affitto.
 
Via internet,agenzie
 
3 mesi
 
Di tutto.
 
Livello medio basso
 
Fabbrica di frutta. Controllo stoffe.
 
Adesso ho quasi 5 anni lavorati nella stessa fabbrica, ho fatto un mutuo ,ho amici inglesi di pub.Non ho amicizie a lavoro.
 
Ho esperienze devastanti a Messina,sono arrivata in Inghilterra,a Leeds a 50 anni e sono riuscita a fare molto di più che in Sicilia. Lo stesso mio figlio e mio marito.Chi ha voglia di lavorare, qua lo puo fare con successo.
 
Possibilmente imparare la lingua prima di arrivare,e venire con soldi per 2-3 mesi.Si possono fare corsi di tutti i tipi per poi trovare vari lavori.
[fluentform id=”9″]

Gli affitti a Londra sono calati del 15% in due mesi

Questo dovrebbe essere un periodo buono dell’anno per i padroni di casa e gli agenti immobiliari, con l’arrivo dell’estate molti prenotato appartamenti e gli studenti cominciano a cercare qualcosa per l’inizio dell’anno accademico.

Ma non quest’anno, con il coronavirus si trovano sul mercato un numero record di appartamenti e case da affittare e molti meno potenziali inquilini. Tanto che molti padroni di casa devono abbassare gli affitti nella speranza di trovare qualche inquilino.

In inglese si chiama ‘tenants market’ ovvero quando le case da affittare sono tante ed è l’inquilino che ha il leggendario coltello dalla parte del manico. Quando invece le proprietà da affittare sono poche e sono tanti coloro che cercano un posto da affittare, si dice che è un landlords market. 

Oltre a coloro che dovrebbero arrivare e non arrivano, molti se ne sono andati. Non solo italiani ed altri europei ma anche altri giovani britannici che provengono da altre parti del paese e lavoravano a Londra. Se hanno perso il lavoro molti sono tornati a vivere con i genitori. 

Se siete ora in affitto difficilmente il padrone di casa verrà volontariamente ad offrirvi una riduzione di affitto. Ma potrete fare affari se cercate casa ora o se fate notare al padrone di casa che potreste andarvene e pagare di meno. 

Leggere 1984 di George Orwell in inglese

Un libro che probabilmente hanno letto in tanti ma che vale sempre la pena rileggere in inglese, se l’avete letto in italiano. Infatti George Orwell è famoso per la sua prosa chiara. Anche se il libro richiede un buon inglese, il fatto che conoscete la storia dovrebbe aiutarvi.  Se prendete una versione digitale avrete anche il dizionario incorporato, il che aiuta parecchio a seguire un testo in una lingua straniera.

Il romanzo non solo è una delle più celebri distopie, ovvero romanzi di fantascienza che dipingono un futuro e una società agghiaccianti e sono praticamente il contrario di utopia, ma ha influenzato molto la lingua inglese creando molti termini che sono usati ora nell’inglese corrente.  Ovviamente pensiamo a Big Brother, newspeak, thought police, doublethink e tanti altri. Inoltre ha fatto nascere l’aggettivo orwellian, ovvero una società o modo di pensare che rispecchia il mondo di 1984.

[amazon box=”0141036141″ /]

Forse non lo sapete ma anche se lo chiamiamo tutti 1984, il titolo originale del libro è Nineteen Eighty-Four: A Novel.

Nelle liste dei libri migliori di tutti i tempi si piazza sempre tra i primi cento, spesso anche tra i primi dieci.

[amazon box=”1849432260″ /]

La storia si svolge in un futuro immaginario, che appunto dovrebbe essere il 1984, il romanzo fu scritto nel 1948 e quindi Orwell ha semplicemente invertito i numeri finali.

Gran parte del mondo si trova in un conflitto continuo e sorvegliato dal governo che ha cambiato la storia e continua a fare propaganda continua.  Si svolge in Gran Bretagna chiamata ora Airstrip One che appartiene ad un superstato che si chiama Oceania e governata dal partito che ha come leader il Grande Fratello. La storia vede un certo Winston Smith che lavora in ufficio e obbedisce al partito ma che in segreto lo odia e sogna di potersi ribellare. E Winston diventa un eroe accidentale o forse no.

Un libro che probabilmente hanno letto in tanti ma che vale sempre la pena rileggere in inglese, se l’avete letto in italiano. Infatti George Orwell è famoso per la sua prosa chiara. Anche se il libro richiede un buon inglese, il fatto che conoscete la storia dovrebbe aiutarvi.  Se prendete una versione digitale avrete anche il dizionario incorporato, il che aiuta parecchio a seguire un testo in una lingua straniera.

Il romanzo non solo è una delle più celebri distopie, ovvero romanzi di fantascienza che dipingono un futuro e una società agghiaccianti e sono praticamente il contrario di utopia, ma ha influenzato molto la lingua inglese creando molti termini che sono usati ora nell’inglese corrente.  Ovviamente pensiamo a Big Brother, newspeak, thought police, doublethink e tanti altri. Inoltre ha fatto nascere l’aggettivo orwellian, ovvero una società o modo di pensare che rispecchia il mondo di 1984.

[amazon box=”0141036141″ /]

Forse non lo sapete ma anche se lo chiamiamo tutti 1984, il titolo originale del libro è Nineteen Eighty-Four: A Novel.

Nelle liste dei libri migliori di tutti i tempi si piazza sempre tra i primi cento, spesso anche tra i primi dieci.

[amazon box=”1849432260″ /]

La storia si svolge in un futuro immaginario, che appunto dovrebbe essere il 1984, il romanzo fu scritto nel 1948 e quindi Orwell ha semplicemente invertito i numeri finali.

Gran parte del mondo si trova in un conflitto continuo e sorvegliato dal governo che ha cambiato la storia e continua a fare propaganda continua.  Si svolge in Gran Bretagna chiamata ora Airstrip One che appartiene ad un superstato che si chiama Oceania e governata dal partito che ha come leader il Grande Fratello. La storia vede un certo Winston Smith che lavora in ufficio e obbedisce al partito ma che in segreto lo odia e sogna di potersi ribellare. E Winston diventa un eroe accidentale o forse no.

[amazon box=”B088H7KLCG” /]

Dal 1 giugno possono riaprire i mercati e mercatini di Londra

Ci siamo, Londra sta riaprendo e tornando alla normalità. Dal 1 giugno riaprono anche i mercati e mercatini a londra e nel resto del paese, sia quelli normali di frutta e verdura che quelli delle pulci e dell’usato.

L’unico problema è che devono aver preso misure per assicurare i due metri di distanza per tutti, cosa un po’ difficile per certi mercati ma devono usare iniziativa per cercare di risolvere il problema e poter ufficialmente riaprire. 

Il mercato di Camden ritorna dal 2 giugno e introduce un sistema di via unica per limitare il numero di persone. I venditori dovranno rispettare norme di sicurezza e se possibile accettare solo pagamenti in carte di credito.

Il mercato di Borough è già aperto dalle 10 alle 17 per frutta e verdura ma non hanno annunciato quando apriranno le altre aree. Con l’arrivo dell’estate molti sono impazienti di ricominciare a girare per Londra provando nuovo street food.

Purtroppo chi ci legge dall’Italia dovrà ancora aspettare se non vuole farsi i 14 giorni di quarantena una volta sbarcati a Londra.