Le fermate degli autobus a Londra diventano gallerie d’arte

L’idea è partita da un’insegnante di Turnham Green che chiusa in casa per il coronavirus era stufa di vedere la solita fermata dell’autobus grigia e rossa. Ha così incoraggiato bambini e non  a decorare la fermata con disegni e altre espressioni artistiche e mostrare anche solidarietà con il personale sanitario e le vittime del coronavirus. 

Ha poi invitato anche altri a fare lo stesso con le loro fermate dell’autobus e mettere un po’ di colore e arte nella città  in lockdown. 

Come potete vedere dalle foto sotto, non si deve per forza essere Leonardo per partecipare.  

View this post on Instagram

Visitors #busstopgallery

A post shared by @ busstopgallery on

 

Due italiani a Londra hanno creato una galleria d’arte per gerbilli

in questo periodo di isolamento quando tanti cercano di essere creativi in casa, una coppia di italiani che vive a Londra ha creato una cosa fantastica. Si tratta di una galleria d’arte per gerbilli! 

Si avete capito bene. 

Filippo Lorenzin e Marianna Benetti vivono a Londra e hanno deciso di creare una galleria d’arte per i loro gerbilli Pandoro e Tiramisù. Entrambi lavorano nell’arte e quindi niente di strano se vogliono che i loro gerbilli abbiano la loro galleria d’arte privata. 

Tutti i dipinti in miniatura esposti sono le versioni per gerbilli di quadri famosi che vanno da Klimt a Munch. 

Potete vedere Pandoro e Tiramisù che ammirano l’arte nel video qui sotto o sul loro Instagram.

Abbiamo trovato questa notizia sul blog di Lonely Planet

Il personale della National Gallery ha ricreato dipinti famosi (da vedere!)

I musei sono chiusi al pubblico ma non vuol dire che non continuano a funzionare in qualche modo. Abbiamo già visto come visitare la National Gallery virtualmente ma ora vi facciamo vedere un’altra cosa. 

Ieri il personale della National Gallery ha ricreato alcuni dipinti ospitati dal noto museo. E i risultati devono essere visti. Fanno parte dei tanti tentativi di persone chiuse in casa che vogliono rimanere creative che abbiamo visto nelle ultime settimane. 

Chi ha usato asciugamani e paperette di gomma, chi ha usato il gatto di casa, alcune di queste ricreazioni sono piuttosto divertenti. 

Guardiamo le ricreazioni dei dipinti. 

 

Mostre d’arte che puoi vedere in questo periodo (tutte online!)

Siamo tutti chiusi in casa ma il mondo non si ferma, si è solo trasferito online. Se siete amanti dell’arte e non potete vivere senza vedere qualche bella mostra, vi segnaliamo tante cose da vedere online. 

Alcune sono magnifiche offerte di gallerie d’arte britanniche, specialmente alcune che si trovano a Londra.  Avrete tanto da scoprire e il vantaggio è che potete farlo anche se vi trovate in Italia.

Aggiungiamo sempre nuovi eventi, continuate a controllare questa pagina. 

 

[dpProEventCalendar id=”1″ type=”accordion-upcoming” category=”29638″ limit=”20″ columns=”1″]

Serpentine Galleries ad Hyde Park a Londra

Conoscete le Serpentine Galleries? Dovreste conoscerle visto che sono in posizione centrale e organizzano sempre mostre molto interessanti e soprattutto molto gratuite.

Due gallerie d’arte che si trovano nel bel mezzo di Hyde Park. The Serpentine Gallery  aperta nel 1970 in quello che era una tea room. L’idea era di avere un posto nel centro di Londra dove fare mostre di arte moderna e contemporanea.

Le Serpentine Galleries hanno una reputazione a livello mondiale.

Ora le Serpentine Gallery ha una reputazione a livello mondiale e ha avuto mostre di artisti come Andy Warlhol, Henry Moore, Damien Hirst e tanti altri.

Nel 2013 fu aperta un estensione, ovvero una seconda galleria che si raggiunge attraversando il ponte sul laghetto Serpentine. Quindi ora le Serpentine Galleries sono due.

La seconda galleria si chiama Serpentine Sackler Gallery costruita da Zaha Hadid, in quello che  era un deposito di polvere da sparo.

Foto : Source: [http://www.flickr.com/photos/bagelmouse/2753842295/ Serpentine Gallery and 2008 Pavilion] on Flickr by RachelH Creative Commons Attribution 2.0 Generic license.

Dal 2000 ogni anno un architetto celebre è invitato a costruire un padiglione temporaneo nel giardino della galleria. Ormai fa parte del calendario estivo londinese vedere cosa ci aspetta quest’anno.

Da allora alcuni dei più importanti architetti contemporanei come Zaha Hadid, Oscar Niemeyer, Toyo Ito ecc. vi hanno partecipato. La galleria ha ancora una politica, ormai rara, di avere sempre ingresso gratuito per tutte le mostre che organizza.

Ma non esistono solo le Serpentine Galleries, ci sono tante altre mostre gratuite a Londra in qualsiasi momento dell’anno. Guardate i nostri ultimi articoli sugli eventi e mostre per vedere cosa potete vedere ora. Abbiamo anche tante idee su cosa fare a Londra gratis.

Per rimanere aggiornati potete anche iscrivervi alla nostra newsletter gratuita che ogni giorno vi aggiorna su Londra e la Gran Bretagna.

[mailpoet_form id=”1″]

 

10 dipinti di pittori italiani da non perdere alla National Gallery di Londra

La National Gallery è grande abbastanza da dovervi costringere di fare scelte di cosa volete vedere. Magari volete solo vedere i pittori italiani o vi interessano i fiamminghi o i francese. Oppure preferite i ritratti, insomma decide voi cosa vedere alla National Gallery e come visitarla.

Ora non vogliamo assolutamente fare nessuna polemica se questi dipinti dovrebbero essere a Londra, in Italia o a Timbuctu. Si tratta semplicemente di una lista di dipinti di pittori italiani che si trovano alla National Gallery di Londra.

 

[onionbuzz quizid=10][/onionbuzz]

 

Visita la National Gallery di Londra da casa tua

Siamo tutti chiusi in casa o almeno dovremmo esserlo ma ciò non signfica che dobbiamo stare a guardare il muro tutto il giorno. 

Possiamo ancora visitare posti, musei e gallerie d’arte. Oggi facciamo un giro alla National Gallery di Londra.

 

La National Gallery a Londra fu aperta nel 1824 per portare l’arte a tutti, l’ingresso era infatti gratuito. La scelta di Trafalgar Square non era un caso perché a quei tempi era di facile accesso ai ricchi, ma non irraggiungibile dai meno ricchi che abitavano nelle zone est.

Potete ammirare oltre 2600 dipinti online, molti dei quali non sono nemmeno nelle stanze aperte al pubblico, quando la National Gallery è aperta. Per ciascuno trovate descrizione e informazione sul dipinto e l’artista e la possibilità di guardare i dettagli. 

Se invece volete fare una visita realistica potete usare Google Street View per fare un bel giro. 

 

Non potete uscire di casa? Visitate una mostra virtuale in Gran Bretagna

Forse siete amanti dell’arte o forse avevate prenotato una breve vacanza a Londra per Pasqua per visitare mostre e gallerie d’arte e ora il coronavirus ha rovinato tutti i vostri piani. 

Ma non disperatevi un po’ possiamo anche rimediare, abbiamo raccolto alcune gallerie d’arte e mostre che potete visitare anche da casa vostra nel vostro isolamento forzato.

Cominciamo con questa visita virtuale alla mostra di Enzo Marra. La mostra in carne ed ossa si tiene a Londra in questo periodo. 

La Courtauld Gallery di Londra è chiusa mentre la stanno rimodernando e quindi non avreste potuto visitarla comunque, ma fortunamente potete vederla online qui. 

La Cambridge University Gallery ha delle mostre online qui

La British Library ha ben 42 mostre online a cominciare da quella su Alice nel Paese delle Meraviglie. Divertitevi. 

Se invece vi piace Shakespeare potete vedere mostre sul famoso drammaturgo qui.

Abbiamo anche una mostra su come le donne usano i loro corpi per creare arte. 

La Atlas Gallery di Londra ha una serie di mostre veramente incredibili di fotografi famosi che potete vedere qui

Potete guardare anche le tante mostre online del National Archive

[fluentform id=”8″]

Finalmente possiamo vedere il quadro di Canaletto di Westminster Abbey

Il dipinto che mostra tutte le caratteristiche e amore per i dettagli di Canaletto fu creato nel 1749 ma raramente si vede in pubblico. Ricordiamoci che Canaletto visse a Londra dal 1746 al 1755 e dipinse molte scene della capitale britannica. 

Il quadro da oltre 200 anni si trova appeso negli appartamenti privati dell’arciprete di Westminster. Si era visto in qualche mostra in prestito ma mai visto nell’abbazia di Westminster. 

Oltre ad essere una grande opera d’arte, il dipinto ha valore storico, infatti è il primo documento che rappresenta le due torri occidentali dell’abbazia che erano state finite solo pochi anni prima. 

La scena che vedete rappresenta la processione dell’ordine dei cavalieri di Bath, che fondato nel 1725 si incontra ogni 4 anni per celebrare i nuovi cavalieri. 

Lo potrete vedere nelle Queen’s Diamond Jubilee Galleries dal 5 marzo fino all’autunno in occasione del 275esimo anniversario delle due torri occidentali completate dal noto architetto Nicholas Hawksmoor. 

Potete trovare qui i biglietti

[fluentform id=”8″]