Gloria non consiglia di venire a vivere in UK per una serie di motivi

Puoi anche tu aggiungere la tua esperienza compilando il modulo in basso

2015
 
all’inizio ho alloggiato in un ostello, poco dopo tramite un amico ho trovato una stanza in casa in condivisione
 
all’inizio porta a porta poi tramite i siti dedicati
 
circa due mesi
 
qualifica di estetista ma ho lavorato in un’azienda agricola (serre e animali da allevamento)
 
Era buono, non come ora, ma buono
 
lavapiatti. Ora faccio l’operaia in una azienda di produzione di valvole idrauliche
 
Positiva all’inizio, ho migliorato l’inglese e visto cose nuove. Ora come ora la trovo inutile in quanto mi sembra di vivere per lavorare
 
No, purtroppo poca meritocrazia e nessuna assistenza sociale. Molta burocrazia, polizia inutile (ho subito due furti), e attenzione ai lavori sottopagati ce ne sono tanti che nessuno immaginerebbe. Qualità della vita molto bassa, stipendi che ti fanno arrivare a fine mese ma non si riesce mai a mettere da parte o per un motivo o per l’altro( malattia oppure licenziamenti da parte di agenzie)La maggior parte degli inglesi sono razzisti( non lo diranno mai) e sento di non essere la benvenuta
 
cercare una città dove gli affitti sono i più bassi e cercare lavoro gia prima di partire
 
[fluentform id=”9″]

“La Londra che abbiamo conosciuto nei prossimi anni scomparirà in fretta”

Oggi sentiamo che ne pensa Enrico che vive a Londra, puoi anche tu raccontare la tua esperienza nel Regno Unito, usando il modulo qui sotto
 
La gestione del governo è stata largamente insufficiente, influenzata da una supponenza anti europea tipicamente inglese. Malgrado guardando quello che succedeva in Italia fosse chiarissimo quello che stava per accadere, si sono comportati come se fossero immuni, come se queste cose potessero succedere solo in un paese di serie B. L’iniziale approccio che privilegiava l’immunità di gregge grida ancora vendetta ed è alla base di tante morti che si potevano evitare
 
In generale, la gente è stata piuttosto ligia alle regole. Forse ancora più attenta e scrupolosa della autorità. Certamente si vede ancora gente al parco, perchè è permesso, ma i veri assembramenti sono tutto sommato rari. L’altro giorno però abbiamo dovuto segnalare alla polizia un gruppo di persone che nel parco stava facendo una grigliata. Una follia a prescindere dalla pandemia.
 
Tra gestione folle del Covid e la pazzia della Brexit, la Londra che abbiamo conosciuto nei prossimi anni scomparirà in fretta. Per la parte del mio lavoro che ha mercato nel Regno Unito sarà un disastro, per altri aspetti potrebbe diventare più facile vivere a Londra perchè mi immagino un crollo dei costi degli affitti e del costo della vita in generale.
 
Un mese fa ho avuto la febbre a 38 per 5 giorni. Forse ho avuto una forma lieve del virus, ma al momento non so come fare a fare un test sierologico. Quando ho chiamato il sistema sanitario mi hanno solo consigliato di stare a casa. Per fortuna tutto si è risolto con solo un po’ di paura.
 
Sto lavorando come un matto per continuare a portare avanti i progetti della mia start-up. Difficilissimo non potendo vedere soci e collaboratori. Al momento non ho chiesto alcun aiuto ma non escludo di provare a farci ricorso.
[fluentform id=”12″]

Elena dice che la reazione al coronavirus è stata atroce

Oggi diamo la parola a Elena, puoi anche tu raccontare la tua esperienza usando il modulo qui sotto. 

Atroce. Non hanno agito e ancora non stanno agendo, tante parole per coprire la loro mancanza di competenza. Dati falsi e false promesse, scandaloso. Ancora non sappiamo i nomi del comitato scientifico, tutto tenuto segreto. Prendono una decisione e poi cambiano idea o in molti casi non la prendono proprio. Matt Hancock ha preso in giro tutto il paese
 
Si, sono tutti in giro appena esce un po’ di sole. Vedo poca differenza da prima, anzi certi posti sono pieni come una continua Bank Holiday
 
Bella domanda sono qua da quasi 30 anni ho tutto qui, ma se dovessi rifare tutto probabilmente non verrei di nuovo. Per certe cose mi piace vivere in Inghilterra, per altre no. Forse non esiste il posto ideale sempre.
 
Ho avuto pessime esperienze e buone esperienze, il sistema sta sempre per collassare, ci vuole un mese per vedere il medico di base e poi se si ha bisogno di qualcosa bisogna convincerlo a mandarci da uno specialista e non sempre funziona. Per forza la mortalità per cancro è la più alta in Europa, due conoscenti sono morti perché dopo tempo (un anno e mezzo e due anni nel secondo caso) che cercavano di convincere il medico di base che non stavamo bene, hanno avuto il referral e poi hanno aspettato mesi per vedere lo specialista e fare analisi. Una volta fatto tutto erano in metastasi e incurabili.
 
Sono in proprio e ancora non ho visto soldi, mi hanno detto giugno/luglio
[fluentform id=”12″]

“Non vedo prospettive positive”

Purtroppo è stata tardiva e sottovalutata ed il risultato è che non ci sarà una fine del lockdown a breve. Si rischia di rimanere chiusi ancora per mesi
 
C’è molta gente che fa attività fisica o semplicemente passeggia, ma quasi nessuno indossa la mascherina. Anche chi va a fare la spesa non ritiene doveroso indossarla. Sono pochissimi quelli che lo fanno.
 
Purtroppo non avevo un lavoro già prima del lockdown e quindi non percepisco alcuna somma che mi aiuta a sopravvivere. Resterò solo se riuscirò a lavorare dopo tutto questo angosciante periodo. Non sarà semplice perché molte aziende avranno difficoltà a riaprire.
 
Uso spesso il servizio sanitario per il mio partner perché è diabetico ed ha sempre bisogno di farmaci specifici. Purtroppo anche in questo caso il servizio è lento e spesso macchinoso. Ci siamo trovati anche senza insulina.
 
Come già detto, non sto lavorando, ma non so come la situazione si sbroglierà una volta ritornati alla normalità. Non vedo prospettive positive

Lettore che ritiene che la reazione al coronavirus sia stata superficiale

Troppo superficiali e di tempo ne hanno avuto per correre ai ripari
 
La gente esce nonostante i quasi 1000 morti al giorno e gironzolano per le strade senza rispettare le distanze senza mascherina come se nulla fosse …pensano di stare in vacanza con l 80 % dello stipendio pagato
 
L unico problema é la sanitá nel senso che é difficile trovare un buon medico ma per il resto si sta bene e si trova sempre lavoro
 
Diciamo siamo i medici di noi stessi qui é difficile trovare un medico bravo
 
Fortunatamente sono veloci in tutto mi é arrivato l 80 % dello stipendio
[fluentform id=”12″]

Un lettore afferma di trovarsi molto male a Seven Sisters

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza dove vivi usando il modulo che trovi in fondo alla pagina. 
 
Seven sisters
 
Molto molto male
 
Non raccomanderei di cercare lavoro nel quartiere e lo trovo piuttosto difficile
 
Ci sono dei mini centri commerciali nei dintorni ed è difficile fare conoscenza se non ti trovi in ostello
 
È ben collegato
Foto: © Copyright Stacey Harris and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.
 
Zona super criminale e pericolosa, la sera si ha paura a camminare per strada
 
Assolutamente no, è facile trovarsi coinvolti in situazioni poco piacevoli
 
Non è adatta a nessuno se non criminali
[fluentform id=”13″]

“Ero una super appassionata di UK, ora dopo anni è finito l’innamoramento”

 
 
Incredibile, faccio fatica a crederci. Lasciano morire la gente a casa, una mia amica ha dovuto telefonare tre volte al 111 per avere qualcuno che le desse retta. Alla fine è stata tre giorni in terapia intensiva, dicevano sempre che era giovane e poteva stare a casa e prendere Tachipirina, ma quasi moriva e se non avesse abitato col marito che ha insistito sarebbe morta, non era più in grado di telefonare da sola.
 
Non tutti, i miei vicini di casa hanno sempre raduni e feste, non grosse ma arriva sempre gente. Sono giovani, tipica casa in condivisione e non capiscono.
 
No, tra questo e la Brexit è caduta la maschera. Ero una super appassionata di UK, ora dopo anni è finito l’innamoramento, temo che si arriverà al divorzio
 
Ho raccontato quella della mia amica
 
Lavoro da casa e sono pagata ma anche in questo campo stanno trattando malissimo tanti. Molti non vedranno un soldo per almeno sei mesi.
[fluentform id=”12″]

Esperienza di un’italiana che lavora per un salone di bellezza

 
2017
 
Mia sorella si trovava già a Londra da un paio d’anni quindi non ho avuto problemi a trovare una sistemazione
 
Tramite conoscenze
 
Un paio di giorni
 
Una qualifica professional “stylist”
 
Medio
 
In un salone luxury di bellezza in chelsea
 
Molte opportunità di far carriera e crescita, ma durante questo tempo passato nella metropoli se c’é una cosa che ho capito é che l’inglese é razzista, superficiale nei confronti di un “non” connazionale, non ti senti mai del tutto a tuo agio, per questo motivo difficile é da comprendere perché abitata principalmente appunto da gente proveniente da altri paesi
 
No, da evitare.
 
Lo sconsiglio, rimanete in Italia e fate tutto il possibile per migliorare la vostra posizione e il vostro paese eliminando il razzismo.
[fluentform id=”9″]

Grazia racconta come mai ha deciso di lasciare Londra dopo 13 anni

Nel 2007
 
Sì e no quando si è nuovi a Londra e non si conoscono bene le cose ci si imbatte facilmente in truffe. 
 
Agenzia
 
Un paio di settimane, era stato prima della crisi finanziaria
 
Laurea, qualche esperienza in Italia di poco valore e tanto entusiasmo. 
 
Medio
 
Commessa ora organizzo eventi per un grosso albergo
 
Fino al 2016 avrei detto molto positiva, dopo il referendum mi sono venuti i primi dubbi nel vedere quanta gente proprio non ci può vedere, parlano di noi come molti italiani parlano degli africani in Italia. Portiamo via lavoro, case, benefit, siamo agevolati in tutto e addirittura portiamo malattie. Stavo già pensando di andarmene ma ora con la storia del coronavirus ho deciso, appena posso scappo. Non posso passare il resto della mia vita in un paese menefreghista e che crede di essere meglio degli altri. Sto cercando lavoro in altri paesi, anche se ora non è certamente il periodo migliore per pensare di cercare lavoro. 
 
NO, assolutamente no
 
Non venire proprio
 
[fluentform id=”9″]