Caterina ci parla di Twickenham, secondo lei il posto migliore di Londra

Caterina racconta la sua esperienza positiva con la sua zona, anche tu puoi raccontare la tua usando il modulo in fondo alla pagina.
 
Abito a Twickenham da 6 anni
 
Benissimo, il posto migliore a Londra per chi vuole mettere radici. Leggo con stupore di persone che dicono che non riescono a conoscere nessuno o che la gente non rimane, qua siamo quasi tutti fissi, conosco tutta la via e ci si aiuta a vicenda. Ora con il coronavirus abbiamo organizzato un gruppo di supporto per aiutare chi fatica. Ci telefoniamo e ci facciamo favori a vicenda.
 
Foto: © Copyright Malc McDonald and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.
 
Si, siamo a Londra
 
Molto. Gente cordiale, tante iniziative locali organizzate anche dal comune
 
Bella zona, il verde, il Tamigi. Siamo a Londra ma ci sentiamo anche fuori, abbiamo i vantaggi della metropoli senza avere i svantaggi
 
Il costo delle case, ma qua costano meno che in molte altre parti di Londra e non dovrei lamentarmi.
 
Si, sicuramente per me uno dei posti migliori di Londra in cui vivere!
 
Decisamente alle famiglie ma anche a chi vuole imparare inglese, qua sono tutti inglesi solidi e sono istruiti, parlano inglese buono o non quel cavolo di cockney che parlano nell’est di Londra
[fluentform id=”13″]

Un lettore afferma di trovarsi molto male a Seven Sisters

Puoi anche tu raccontare la tua esperienza dove vivi usando il modulo che trovi in fondo alla pagina. 
 
Seven sisters
 
Molto molto male
 
Non raccomanderei di cercare lavoro nel quartiere e lo trovo piuttosto difficile
 
Ci sono dei mini centri commerciali nei dintorni ed è difficile fare conoscenza se non ti trovi in ostello
 
È ben collegato
Foto: © Copyright Stacey Harris and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.
 
Zona super criminale e pericolosa, la sera si ha paura a camminare per strada
 
Assolutamente no, è facile trovarsi coinvolti in situazioni poco piacevoli
 
Non è adatta a nessuno se non criminali
[fluentform id=”13″]

Golders Green a Londra, storia e cose da sapere

Golders Green era parte della vecchia parrocchia di HENDON dove si trovava anche una tenuta e una foresta.

Il nome deriva dalla famiglia del posto Godyere e il Green si riferisce a un’area di verde che apparteneva alla tenuta.  Nel 1600 si trovano documenti e mappe che chiamano la zona Goulders Green.

Nel 1700 praticamente tutta la foresta fu sgombrata per permettere più agricoltura, infatti questa era una zona fertile e in pianura, necessaria per sfamare la capitale in crescita. E fino alla fine del 1900 era infatti una zona dedicata quasi interamente all’agricoltura.

Foto: © Copyright Christopher Hilton and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Quello che cambió tutto fu la Northern Line nel 1905 che dopo aver scavato un tunnel sotto Hampstead Heath arrivò finalmente un collegamento tra le fattorie di Golders Green e il centro di Londra.

Ovviamente furono costruite centinaia di case nuove per i lavoratori di Londra in una zona che era ancora relativamente economica.

Nel 1902 qui fu aperto il famoso Golders Green Crematorium e poco dopo il Golders Green Hippodrome che fu aperto nel 1914 come locale di musica. In seguito fu usato dalla BBC e diventò la sede della BBC Radio Concert.

La BBC usò l’edificio fino al 2003 quando divenne un luogo d’incontro e di preghiera per una chiesa cristiana, dal 2017 è diventato invece un centro islamico.

Golders GreenA Golders Green abitò anche la celebra biallerina Anna Pavlova per circa 20 anni fino alla sua morte. La casa in cui abitò si chiama Ivy House e ora è una scuola cattolica per bambine.

Foto:  © Copyright Malc McDonald and licensed for reuse under this Creative Commons Licence.

Prima della Seconda Guerra Mondiale nella zona vennero a vivere molti profughi dall’Europa dell’Est, la maggioranza di loro erano ebrei. E per questo la zona ha la fama di essere una zona ebraica. Sicuramente lo è ancora, almeno in parte, anche se in genere gli immigrati o almeno i loro figli e nipoti appena in grado si trasferirono in altre zone. Non mancano ancora però negozi e ristoranti ebraici in questa zona.

Come altre zone a Londra create quasi completamente dall’arrivo della ferrovia o metropolitana anche Golders Green non ha molti edifici storici che precedono il 1900. In ogni caso rimane un posto interessante nella storia sociale di Londra.

 

Che zona di Londra sei? QUIZ

Prova questo quiz semi scherzoso che trova la zona di Londra più simile a te 😀

Ci sono tante zone di Londra hai mai pensato quale sia più simile a te?

Prova il QUIZ

[onionbuzz quizid=9][/onionbuzz]

I 10 posti migliori dove vivere a Londra – la classifica del 2020

Come tutti gli anni The Times ha pubblicato la solita lista dei dieci posti migliori di Londra e ci sono delle sorprese. 

Al primo posto abbiamo Victoria Park, la zona posh dell’East End pieno di ristorantini, coffee shops e il verde del parco. Centralissimo ha anche atmosfera. 

Gli altri nove finalisti non sono in ordine e sono  Ealing che è un posto residenziale da tempo ma ha ottimi collegamenti sia di metropolitana che ferroviari. Ha anche molto verde. 

Nella lista abbiamo ancora Bermondsey per il sesto anno di seguito, per essere in zona 1, per avere uno spirito comunitario pur essendo moderno. 

Highbury che era un quartiere piuttosto disastrato ma con recenti rinnovamenti è diventato un posto alla moda e il fatto che si trova vicino al centro è un grosso vantaggio. 

Muswell Hill nel nord di Londra non è una sorpresa sia per essere carina e avere belle vedute di tutta Londra, poi si trova anche vicino ad Alexandra Palace. 

Notting Hill si trova nella lista per chi può permetterselo, si è centrale, trendy, negozi interessanti e vicino avete il mercato di Portobello. 

Troviamo anche una zona che ha fatto un salto colossale tra le peggiori di Londra alle migliori, si tratta di Peckham che ora è quasi tanto trendy come Shoreditch. 

Wimbledon non è una sorpresa, una zona adatta a chi vuole una vita tipicamente di classe media e ama i parchi e lo sport. Particolarmente il tennis. 

Pochi conoscono invece Winchmore Hill. Si trova a nord ad Enfield e ha un’aria quasi rurale e tranquilla che può piacere a molti.