ScienzaStati Uniti

Archivio del Scientific American; quando storia e scienza si incontrano

0

Forse non lo sapete ma potete accedere gratis all’archivio del Scientific American dal 1845 al 1909. La bellezza di questo archivio è che copre anni di grande scoperte scientifiche e tecnologiche. Vedrete quindi le prime biciclette, i primi aerei e le prime auto. Per passare dalla radio, telefono e cinema. Vedrete discusse diverse teorie come l’evoluzione di Darwin quando erano ancora una novità e potrete leggere predizioni sul futuro, alcune avvenute…altre  decisamente no.

Vale la pena andare un’occhiata a questo archivio incredibile anche solo per le illustrazioni, alcuni delle quali veramente interessanti e che colgono l’essenza dell’epoca.

L’archivio ci porta fino al 1909 ma il Scientific American pubblica ancora la sua rivista dal 1845. Ciò lo rende la rivista scientifica più vecchia al mondo e la rivista mensile più vecchia degli Stati Uniti. Ha sempre cercato di rendere la scienza e tecnologia accessibili alla massa e quindi non si tratta di una rivista particolarmente accademica o difficile da leggere. Era indirizzata all’americano medio.

Inizialmente era solo una rivista settimanale di quattro pagine e si concentrava particolarmente a illustrare invenzioni che avevano richiesto brevetti negli Stati Uniti. Una cosa per addetti al settore quindi ma si sviluppò in seguito e alla fine diventò un mensile nel 1921 e a quei tempi molto venduto. Ci scrissero anche scienziati importanti come Albert Einstein.

Le vendite calarono dopo la Seconda Guerra Mondiale ma ha resistito fino ad ora e viene pubblicato in 18 lingue incluso l’italiano.

È indubbiamente interessante sfogliare le vecchie edizioni e leggere di teorie ora considerate assurde o di progetti mai realizzati. Oppure potete cercare i prototipi di cose che ora sono normalissimi ma che allora facevano rimanere a bocca aperta. Con l’archivio del Scientific American potete fare un bel viaggio nel tempo.

Grande successo per Disney Plus ma quando arriva in Italia?

Previous article

I pericoli mortali nelle case dell’ottocento VIDEO

Next article

You may also like

Comments

Rispondi